Protesi dentale fissa e mobile

Protesi dentale fissa e mobile

In pazienti totalmente o parzialmente edentuli (in cui cioè c’è una mancanza totale o parziale di denti) è possibile grazie a vari tipi di protesi ripristinare una corretta masticazione e una buona estetica.
La protesi FISSA si avvale dell’utilizzo di corone (capsule) o ponti in oro-ceramica o zirconia da applicare su denti naturali o su impianti.
La protesi MOBILE consente la realizzazione di dispositivi che il paziente è in grado di togliere da solo per sostituire i denti mancanti ripristinando la funzionalità e l’estetica persa. un esempio di protesi mobile è la cosiddetta “dentiera” in cui non si ha nessun tipo di appoggio dentale, la stabilità della dentiera si basa esclusivamente sulla precisione con cui è realizzata. una maggior precisione di adattamento al palato permetterà una maggior stabilità alla masticazione.
La protesi RIMOVIBILE è quel tipo di protesi che si appoggia ai denti e che il paziente potrà togliere con facilità. un esempio è lo scheletrato, formato da una componente in resina rosa e una componente metallica (uno o più ganci) che “abbraccia” i denti residui per conferire stabilità e comfort.

Domande frequenti

Quanto tempo ci vorrà perche mi abitui alla protesi mobile?

In pochi giorni, al massimo un paio di settimane, ci si abitua alla nuova sensazione di “corpo estraneo” e comincerete a masticare correttamente , la protesi se ben eseguita verrà percepita successivamente come parte integrante di voi. l’importante è cercare di portarla il più possibile.

Come faccio ad avere una protesi sempre aderente senza mettere troppa pasta fissante?

L’importante in questi casi sono i controlli semestrali dal dentista, le gengive quando sono senza denti tendono a modificarsi col tempo.

Una ribasatura, cioè applicare nuova resina per farla aderire di nuovo alle gengive, è da raccomandare ogni 6 mesi.